Menù della Vigilia di Natale

  • di Redazione Fondazione Valter Longo Onlus
  • 21 Dicembre 2018

Bisogna rinunciare al gusto per avere un’alimentazione sana a Natale?

La risposta è no: basta prendere ispirazione dall’incredibile numero di zone e località del territorio italiano caratterizzate da alta longevità per scoprire che spesso i piatti tradizionali sono anche gustosi, sani… e adatti alle festività natalizie!

“Alla Tavola Della Longevità” secondo libro del Professor Valter Longo, un libro buono in tutti i sensi!

Oltre a contenere più di 200 ricette con i piatti tradizionali di tutte le regioni italiane (e qualcuna anche un po’ più esotica), questo libro ha il grande obiettivo di aiutare tutti a mangiare e vivere meglio e raccogliere fondi per la ricerca nell’ambito della salute.

Un’ottima idea regalo per augurare il meglio ai nostri cari!

Tutti i proventi del libro sono infatti devoluti dall’autore alle fondazioni non profit Fondazione Valter Longo e Create Cures per promuovere e sponsorizzare la ricerca su terapie alternative e integrate a basso costo per malattie gravi, inclusi il cancro, l’Alzheimer, le malattie cardiovascolari, il diabete, la sclerosi multipla, il morbo di Crohn e altre malattie, sia degli adulti che dei bambini.

Vi propongo qui di seguito un menù completo, dall’antipasto al dolce, con tanto di ricette, che potrete trovare nel libro.
Buon appetito e buone feste dalle Fondazioni Valter Longo e Create Cures!

ANTIPASTO: Insalata di polpo siciliana

Per 6 persone

  • polpo fresco circa 900 gr
  • 2 carote
  • 2 coste di sedano
  • prezzemolo
  • 1 limone
  • sale, pepe, olio extravergine d’oliva

Lavare il polpo strofinandolo con il sale, pulire bene le ventose e sciacquare sotto l’acqua corrente. Mettere sul fuoco una pentola capiente piena d’acqua e appena raggiunge il bollore prendere il polpo dalla testa, immergerlo e tirarlo fuori dall’acqua per 3 volte, alla terza volta immergerlo completamente e fare cuocere per circa 15 minuti, il tempo di cottura dipende dal peso del polpo quindi è opportuno provare ad infilzare un tentacolo con la forchetta per assicurarsi che sia cotto, spegnere il fuoco e lasciarlo riposare in pentola per 10 minuti. Scolare il polpo e farlo raffreddare completamente.

Nel frattempo pulire le verdure, tagliare le carote e il sedano a fettine, versarle in una ciotola e unirvi il polpo tagliato a tocchetti regolari, condire con il succo del limone, pepe, sale e olio, mescolare e ultimare con il prezzemolo tritato, sigillare la ciotola con la pellicola e lasciare insaporire fino a prima di servire.

PRIMO: Ravioli di patate con verdure di stagione, salsa bianca e prezzemolo

Per 6 persone

• 800 g di patate (non novelle, le migliori sono quelle a pasta gialla)

• 300 g di farina tipo 00

• 40 g di pangrattato

• 60 g di parmigiano reggiano grattugiato

• 1 pizzico di pepe bianco

• 1 pizzico di sale

Per il ripieno

• 80 g di parmigiano reggiano

• 150 g di zucchine chiare

• 60 g di carote

• 50 g di scalogno

• 10 g di timo fresco

• 10 g di prezzemolo

• sale

• pepe bianco

Preparare un brodo vegetale con verdure fresche (una cipolla, 2 coste di sedano, una carota). Schiacciare le patate, aggiungere la farina e il parmigiano, sale e pepe fino a ottenere una pasta solida. Farla riposare per 30 minuti avvolta nella pellicola trasparente.

Nel frattempo preparare il ripieno: lessare le verdure, scolarle e farle saltare con olio, aggiungendo sale, aromi e pepe bianco.

Unire il parmigiano, frullare e mettere da parte.

Prendere la pasta, tirarla con il mattarello fino allo spessore di 4 mm, spolverando con poca farina perche non si attacchi al piano di lavoro. Formare dei cerchi di 8 cm di diametro, mettere al centro il ripieno, chiuderli formando un semicerchio e fermare bene la chiusura con la punta della forchetta.

Far cuocere nel brodo vegetale per 6-8 minuti. In una padella preparare olio e prezzemolo. Scolare i ravioli e metterli in padella, aggiungere un paio di cucchiai del brodo di cottura e amalgamare il tutto.

SECONDO: Calamaro ripieno con pomodorini secchi e olive

Per 6 persone

• 500 g di calamari

• 125 g di pane

• 125 g di olive

• 250 g di pomodori secchi

• 50 g di capperi

• Vino bianco

• 750 g di passata di pomodoro

• Sale

• Pepe

• Prezzemolo

• Basilico

• Olio extravergine di oliva

Pulite e lavate i calamari; staccate i tentacoli, tritateli e fateli rosolare in padella con olio, sfumando con il vino alla fine.

Mentre raffreddano, tritate nel mixer i pomodori secchi, i capperi dissalati, le olive snocciolate e il pane. Quando tutto e ben amalgamato, unite i tentacoli e il prezzemolo tritato.

Salate e pepate.

Riempite con il composto le sacche dei calamari, richiudetele con stuzzicadenti e rosolatele con un filo di olio; sfumate con un bicchiere di vino bianco, unite la passata di pomodoro e terminate la cottura a fuoco dolce.

Servite guarnito con basilico fresco

CONTORNO: Radicchio di Treviso in marinata

Per 6 persone

• 6 cespi di radicchio di Treviso

• 6 foglie di alloro

• 10 bacche di ginepro

• 200 ml di aceto

• 1/2 bicchiere di olio – extravergine di oliva

• Sale

Mettete a bollire con 500 ml d’acqua l’aceto, il sale, meta foglie di alloro e bacche di ginepro. Quando bolle, immergetevi per 3-4 minuti i cespi di radicchio, mondati e tagliati a meta. Scolateli e metteteli a raffreddare su uno straccio, quindi trasferiteli in una ciotola, condendoli con il resto degli aromi e l’olio. Si serve il giorno dopo.

DOLCE: Baci di fichi e cioccolato

Per 6 persone

• 1 kg di fichi molto maturi

• 150 g di cioccolato fondente

• 150 g di mandorle sgusciate

• 1 bicchierino di liquore dolce

• 2 cucchiaini di olio – extravergine di oliva

Tagliate a meta i fichi e fateli cuocere in forno per 20 minuti a calore moderato. Tostate e tritate le mandorle. Sfornate i fichi, lasciateli intiepidire e tritateli molto fini; aggiungete le mandorle, il liquore e ricavate delle palline grandi come noci. Fate sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente e passatevi le palline, appoggiandole su carta da forno finche il cioccolato si sara indurito.

Romina Cervigni

Dott.ssa Romina Inès Cervigni
Biologa Nutrizionista, Ph.D.
Fondazione Valter Longo

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list per tenerti aggiornato sui nuovi progressi nel trattamento delle malattie.