PILASTRI DELLA SANA LONGEVITÀ

PILASTRI DELLA SANA LONGEVITÀ
  • di Redazione Fondazione Valter Longo OnlusRedazione Fondazione Valter Longo
  • 11 Marzo 2020

Per capire quali siano le indicazioni alimentari che garantiscono una vita sana e longeva facciamo riferimento ai “Pilastri della sana Longevità” (deriva dagli studi condotti dal Professor Valter Longo). Un approccio multidisciplinare che comprende:

  • ricerca di base, ossia lo studio su organismi semplici (in modelli sperimentali nei laboratori di ricerca) riguardanti gli aspetti molecolari del funzionamento cellulare legato alla nutrizione;
  • epidemiologia, ovvero l’analisi delle cause delle malattie e dei relativi fattori di rischio su intere popolazioni (tra cui anche la comprensione, attraverso la ricerca di base, nel dimostrare gli effetti di un determinato alimento o di uno stile alimentare su certe patologie e longevità);
  • studi clinici, ovvero la dimostrazione effettiva delle ipotesi formulate dalle ricerche di base ed epidemiologiche;
  • studio dei centenari, l’investigazione delle abitudini alimentari dei gruppi di centenari più sani, soprattutto quelli delle famose “Zone blu”, caratterizzate da maggior longevità: Loma Linda in California, la penisola di Nicoya in Costa Rica, Sardegna, Ikaria in Grecia e Okinawa in Giappone. L’osservazione di questi centenari offre dati a supporto di sicurezza, efficacia e accettazione di una determinata linea di condotta alimentare.
  • studio dei centenari, ossia gli studi condotti su diverse popolazioni nel mondo tra le quali è stata comprovata un’alta percentuale di individui centenari, basati sull’analisi del loro stile di vita e delle loro abitudini alimentari per comprendere quali siano i comportamenti che danno benefici in termini di longevità.
  • studio dei sistemi complessi, ovvero la trasposizione dei comportamenti umani a livello ingegneristico, nel prendere in considerazione stile di vita e nutrizione in relazione all’invecchiamento.

Il sistema dei “Pilastri della Sana Longevità” è un metodo che consente di filtrare le migliaia di studi sulla longevità e sulle malattie e di porre fondamenta molto più profonde e solide per valutare cosa e quanto mangiare, riducendo al minimo l’entità dei cambiamenti nello stile alimentare delle persone. Se le scelte si basano su questi Pilastri, difficilmente possono dimostrarsi scorrette o invalidate da nuove scoperte.

FONTI

  1. La Dieta della Longevità. Vallardi editore, 2016

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list per tenerti aggiornato sui nuovi progressi nel trattamento delle malattie.