PROPRIETÀ E FONTI DI VITAMINA H (BIOTINA)

  • di Redazione Fondazione Valter Longo Onlus
  • 20 Giugno 2019
La vitamina H (B8), conosciuta anche comebiotina, è una vitamina idrosolubile, ovvero fa parte di quel gruppo di vitamine solubili in acqua, che non sono accumulabili nell’organismo. Per questo motivo, è importante assumerla ogni giorno con un’alimentazione varia ed equilibrata. La biotina partecipaa diversiprocessi biologicifondamentali per il nostro benessere.

A COSA SERVE LA VITAMINA H

La biotina ha un ruolo come coenzima, utile in particolare per buon il funzionamento degli enzimi carbossilasi, coinvolti nelle reazioni cellulari e nel metabolismo. Ecco perché la biotina è essenziale per il funzionamento delle cellule, la crescita e lo sviluppo del corpo. Inoltre, svolge un ruolo importante nel metabolismo di glucidi, proteine e lipidi. Assimilata attraverso il cibo, viene prodotta in minima parte anche da alcuni batteri presenti nel nostro intestino.

Utile per la salute di pelle, unghie e capelli: rinforza e migliora l’aspetto dei tessuti, agisce sulla produzione sebacea sia a livello cutaneo sia del cuoio capelluto, oltre che prevenire la perdita dei capelli.Importante per il normale funzionamento del sistema nervoso, sia negli adulti sia nei bambini e anche nel feto, dove interviene anche nello sviluppo embrionale di tutto l’organismo. A livello del sistema cardio-vascolare, la biotina mantiene stabili i livelli di glucosio e colesterolo nel sangue.

IN CASO DI CARENZA DI VITAMINA H

Ilfabbisogno giornalierovariamoltoin base a età, sesso e altre condizioni.Partendo da 7μg nei bambini, per arrivare a30 μg negli adulti. Dosaggio che aumenta nelle donne in gravidanza e allattamento fino a 357 μg.Una carenza può essere dovuta a malnutrizione o rapida perdita di peso, come pure l’utilizzo di sondino-nasogastrico a lungo in persone ospedalizzate. Anche l’uso prolungato di antibiotici o la presenza di diabete possonoprovocare ridotta assimilazione di biotina.

I possibili sintomi di carenza di vitamina H sono vari: stanchezza,affaticamento, sonnolenza, dolori muscolari, crampi notturni, pizzicori a gambe e braccia, problemi alla pelle (dermatiti, secchezza e desquamazioni rossastre attorno a naso, occhi e bocca), nei bambini dermatite seborroica, unghie fragili, capelli che si assottigliano e perdono il colore naturale, fino alla perdita di capelli (dalla calvizie all’alopecia), sintomi depressivi o esaurimento nervoso.

Presente in molti alimenti, sia vegetali sia animali, difficilmente si può incorrere in deficit di vitamina H. In caso di carenza, però, è bene integrarla, soprattutto per le donne durante la gravidanza e in altri casi specifici (come perdita di capelli, unghie fragili, dermatite seborroica e depressione lieve). L’importante è sempre rivolgersi a un medico e/o a un biologo nutrizionista per farsi prescrivere un integratore adeguato e le dosi giuste in base alle singole necessità. Di contro, un eccesso potrebbe dare segni di tossicità.

IN QUALI ALIMENTI SI TROVA LA VITAMINA H

La biotina è presente in diversi alimenti, sia di origine animale sia vegetale, molti dei quali sono anche fonti di minerali essenziali come calcio e magnesio. Le principali fonti di vitamina Hbiodisponibile sono i prodotti di origine animale, soprattutto fegato, pollo e uova. Attenzione, però, a un eccessivo consumo di uova crude e/o alla coque, poiché in questo caso la biotina si lega a una proteina (avidina) presente nell’albume crudo, che potrebbe rendere non-disponibile questa preziosa vitamina. La cottura, invece, denatura l’avidina, La biotina si trova anche in latte e formaggi. Buona fonte di questa vitamina è il pesce.

Anche i prodotti di origine vegetale possono essere una fonte di biotina, seppur l’assorbimento da questi alimenti sia limitata dalla bassa biodisponibilità. Troviamo la vitamina H in cereali integrali (grano e riso), legumi (lenticchie e piselli), frutta e verdure fresche (cavolfiori, lattuga e carote), frutta secca e funghi. La biotina, come molte altre del gruppo B, si trova anche nel lievito di birra.

Importante sapere che la biotina, per essere assimilata correttamente, necessita che gli alimenti nei quali è presente (anche nella forma biodisponibile di origine animale) vengano digeriti del tutto, poiché spesso è veicolata da residui dell’amminoacido lisina che necessitano di enzimi digestivi (peptidasi pancreatica).

Per ulteriori approfondimenti scientifici, legati a un corretto stile di vita e a sane abitudini alimentari, visitate il sito della FONDAZIONE VALTER LONGO, dove trovate anche diverse pubblicazioni di studi clinici.

FONTI

  1. Vitamine – Informazioni generali – EPICENTRO (data ultimo accesso 27.06.2019)
  2. Vitamine – Studi – EPICENTRO (data ultimo accesso 27.06.2019)
  3. LARN – Livelli di assunzione di riferimento per la popolazione italiana: VITAMINE. Fabbisogno medio (AR): valori su base giornaliera – Società Italiana di Nutrizione Umana-SINU, 2014 (data ultimo accesso 27.06.2019)
  4. Vitamin and Mineral Supplement Fact Sheets – NIH National Institute of Health (data ultimo accesso 27.06.2019)
  5. Biotina – NIH National Institute of Health(data ultimo 27.06.2019)

In collaborazione con Redazione Fondazione Valter Longo Onlus
Fondazione Valter Longo Onlus ha l’obiettivo di fare divulgazione scientifica sensibilizzando la comunità scientifica e non, ad uno stile di vita salutare ed una corretta alimentazione tramite la produzione di articoli scientifici esplicativi, contenuti testuali, infografiche e multimediali, e la diffusione delle attività cliniche, scientifiche, divulgative ed educative della Fondazione e del suo team di professionisti. Percorsi alimentari, scoperte scientifiche, studi clinici, trattamenti e tecnologie, eventi di sensibilizzazione nazionale e internazionale, iniziative di prevenzione nonché ricette della Longevità sono solo alcuni dei temi affrontati in articoli e interviste di approfondimento pubblicati quotidianamente e scritti in collaborazione con gli specialisti della Fondazione. Attivissima anche sui social, la redazione di Fondazione Valter Longo Onlus propone inoltre una newsletter mensile inviata a tutti gli iscritti, per rimanere sempre aggiornati sulle più interessanti novità legate al mondo della Salute, Nutrizione e Longevità.

Partecipano alla redazione:
Romina Inés Cervigni
Alessandra Fedato
Maria Liliana Ciraulo
Corinna Montana Lampo
Cristina Villa

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list per tenerti aggiornato sui nuovi progressi nel trattamento delle malattie.