CIBI CHE CONTENGONO ARSENICO

  • di Redazione Fondazione Valter Longo Onlus
  • 24 Aprile 2019
L’arsenico è un metallo pesante tossico per l’uomo, presente in natura nell’acqua o nei terreni, e la cui concentrazione può aumentare anche a causa delle attività umane. Oltre all’acqua potabile, i prodotti alimentari più altamente esposti alla contaminazione da parte dell’arsenico sono i cereali, soprattutto il riso integrale. Anche i prodotti a base di cereali (in chicco e derivati), acqua in bottiglia, verdure, pesce, latte e formaggi, birra e caffèsono soggetti all’esposizioneall’arsenico, soprattutto per la sua diffusione nei terreni agricoli. In natura, l’arsenico è presente nelle zone vulcaniche; con l’industrializzazione, si hauninquinamento da arsenico a causa di pesticidi e fertilizzanti usatiin agricoltura, come pure altre forme di inquinamento ambientale(incenerimento rifiuti, scarico di automobili, esalazioniindustriali etc.).Tranne che per il riso integrale, in cui si rilevano sempre livelli molto alti, la contaminazione varia in basealla quantitàconsumata dello specifico alimento.

ALLERTA ARSENICO

L’EFSA (European Food Safety Authority), ha pubblicato un report sulla presenza di arsenico nei prodotti alimentari disponibili sul mercato europeo e che arrivano sulle nostre tavole.I controlli dell’EFSA sono stati effettuati in 21 Paesi europei, compresa l’Italia, anche se non risulta tra quelli più esposti alla contaminazione di arsenico negli alimenti. L’EFSAmette in guardia sul fatto che l’assunzione prolungata di arsenico può causare problematiche di salute anche gravi, come patologie dermatologiche e lesioni cutanee, malattie cardio-vascolari, disturbi metabolici e del sistema nervoso, fino a sviluppare alcune forme di tumore.Tanto che l’IARC(International Agency for Research on Cancer)dell’OMSha classificato l’arsenico inorganico e suoi i composti cancerogeni per l’uomo.

Negli ultimi anni, la contaminazione del riso integrale con arsenico ha assunto un’importanza rilevante. La FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations), se ne occupa rivolgendo la propria attenzione ai Paesi asiatici, notoriamente forti consumatori di riso. La Commissione Europea ha aggiornato i livelli massimi consentiti presenti nei prodotti a base di riso e ha fatto presente come in Europa, chi ne consuma parecchio, comealcuni gruppi etnici e i bambini con meno 3 anni, siano più esposti alla contaminazione di arsenico con l’alimentazione. Il comitato congiunto di FAO e OMS ha fissato il limite di tolleranza settimanale a 15 microgrammi per Kg di peso corporeo, ma secondo l’EFSA tale limite andrebbe abbassato.

Una recente ricerca scientifica, condotto dalla Dartmouth College School of Medicine e pubblicata suJamaPediatrics, ha rilevatoconcentrazioni di arsenico fino al doppio,nelle urine dei bambini che mangiano prodotti a base di riso,rispetto ai bimbi che non ne consumano. Questi risultati rappresentano una fonte di preoccupazione, perché il riso contiene concentrazioni di arsenico superiori a quelle raccomandate.

COME EVITARE LA CONTAMINAZIONE DA ARSENICO

La presenza di arsenico inorganico nel riso è dovuta alle sue caratteristichee al metodo di coltivazione,che prevede la crescitadelle piantine sommerse in acqua. Una questione a cui la ricerca scientifica sta dedicando parecchia attenzione, per trovare soluzioni di coltivazione alternative. Dato che in molti Paesi rappresenta la base dell’alimentazione ed è una fonte indispensabile di sostentamento. Anche in Italia il riso è largamente utilizzato al posto della pasta per abitudini alimentari legate ai luoghi di appartenenza e, più di recente, anche a causa del diffondersi delle intolleranze al glutine e della celiachia.

Per evitare accumuli di arsenico, dunque, la soluzione è ridurre l’assunzione di riso.Ponendo particolare attenzione soprattutto alla dieta dei più piccini. L’indicazione è dilimitare il consumo di prodotti a base di riso (come farina, riso soffiato, gallette e cracker di riso, olio e latte) che contengono livelli più elevati di arsenico rispetto ai chicchi interi.Un escamotage per ridurre il contenuto di arsenico nel riso è di lavarlo prima di cuocerlo, per poi cucinarlo in abbondante acqua e, infine, risciacquarlo dopo la cottura e prima di consumarlo. Il riso non va eliminato del tutto, ma va alternato al consumo di altri cereali in chicco.

Seguici su FACEBOOK @VALTERLONGOLONGEVITY con altri approfondimenti scientifici, legati a un corretto stile di vita e a sane abitudini alimentari.

FONTI

  1. Valter Longo, La dieta della longevità – Vallardi 2016
  2. Margaret R. et al.; Association of Rice and Rice-Product Consumption With Arsenic Exposure Early in Life; JAMA Pediatr. 2016 June.
  3. Dietary exposure to inorganic arsenic in the European population – EFSA Journal 2014;12(3):3597)
  4. Scientific Opinion on Arsenic in Food – EFSA Panel on Contaminants in the Food Chain (CONTAM); EFSA Journal 2009; 7(10):1351

In collaborazione con Redazione Fondazione Valter Longo Onlus
Fondazione Valter Longo Onlus ha l’obiettivo di fare divulgazione scientifica sensibilizzando la comunità scientifica e non, ad uno stile di vita salutare ed una corretta alimentazione tramite la produzione di articoli scientifici esplicativi, contenuti testuali, infografiche e multimediali, e la diffusione delle attività cliniche, scientifiche, divulgative ed educative della Fondazione e del suo team di professionisti. Percorsi alimentari, scoperte scientifiche, studi clinici, trattamenti e tecnologie, eventi di sensibilizzazione nazionale e internazionale, iniziative di prevenzione nonché ricette della Longevità sono solo alcuni dei temi affrontati in articoli e interviste di approfondimento pubblicati quotidianamente e scritti in collaborazione con gli specialisti della Fondazione. Attivissima anche sui social, la redazione di Fondazione Valter Longo Onlus propone inoltre una newsletter mensile inviata a tutti gli iscritti, per rimanere sempre aggiornati sulle più interessanti novità legate al mondo della Salute, Nutrizione e Longevità.

Partecipano alla redazione:
Romina Inés Cervigni
Alessandra Fedato
Maria Liliana Ciraulo
Corinna Montana Lampo
Cristina Villa

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list per tenerti aggiornato sui nuovi progressi nel trattamento delle malattie.